Trasloco conti correnti: veloci e gratis. Se no multa alla banca

banca, conto corrente, trasloco

Il passaggio da un conto corrente ad un altro deve essere gratuito e deve avvenire in tempi brevi, massimo 12 giorni. Superato questo termine la banca può vedersi comminare una multa fino a 64.555 euro e il cliente riceverà un indennizzo.

Questo è quanto previsto dall’emendamento al decreto sul sistema bancario approvato all’unanimità dalla Camera.

In caso di ritardo sono previsti anche degli indennizzi per il cliente «in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto di pagamento al momento della richiesta di trasferimento». Indennizzi che saranno quantificati con un decreto del ministero dell’Economia.

Il testo, in questo modo, riscrive le norme sulla portabilità dei conti correnti previste dal dl recependo per intero la direttiva europea su questa materia.

Gli istituti hanno tre mesi per adeguarsi alle nuova norme.

Tra le novità, anche una virata verso la trasparenza nelle comunicazioni tra banche e clienti, con informazioni chiare e facilmente accessibili. Come «l’indicatore sintetico di costo e il profilo dell’utente» che dovranno essere rese disponibili anche attraverso l’accesso web ai servizi bancari e gli sportelli.

Walther Andreaus, direttore del Centro tutela consumatori e utenti commenta: «Si tratta di una norma importante per i clienti bancari, che a seguito anche dei differenti costi dei conti correnti presenti sul mercato, potrà portare ad una maggiore concorrenza fra le banche. Con le nuove disposizioni i clienti avranno meno remore ad effettuare il trasferimento del proprio conto e del deposito titoli da una banca all’altra. Le banche dovranno inoltre risarcire eventuali ritardi nell’effettuazione del trasferimento. Il consiglio agli utenti bancari è quindi quello di seguire da vicino i tempi di effettuazione dei passaggi e di pretendere che non vi siano oneri e spese nel trasferimento dei conti da una banca all’altra».

Come avviene il trasferimento? Lo spiega il sito HelpConsumatori.it:

  • Il cliente richiede alla nuova banca l’apertura del nuovo conto, a seguito di un’autorizzazione rilasciata dal cliente stesso alla banca;
  • la nuova banca trasmette l’autorizzazione e la richiesta di trasferimento del conto alla vecchia banca;
  • la vecchia banca provvede a trasferire tutti i bonifici in entrata, gli ordini permanenti e gli addebiti diretti da trasferire sul nuovo conto. Trasferisce ovviamente anche l’eventuale saldo positivo del conto in essere sul conto di pagamento presso la nuova banca, alla data indicata dal consumatore;
  • la vecchia banca provvede a chiudere il conto di pagamento detenuto presso la stessa, alla data indicata dal consumatore.
  • Il tutto entro 12 giorni.

 

Articoli correlati

*

Top